VPWN per Inclusione Donna: obiettivi 2021 per occupazione e rappresentanza femminile

Dal 2019 Verona PWN fa parte dell'iniziativa nazionale Inclusione Donna - un'allianza di oltre 60 associzioni femminili sul territorio italiano con l'obiettivo di portare cambiamento in due principali aree: occupazione e rappresentanza femminile. Verona PWN ha deciso subito di sposare la missione e unirsi con Inclusione Donne facendo parte del Comitato Coordinamento da gennaio 2020.



Grazie alle sue ideatrici, Sila Mochi e Carolina Gianardi, Inclusione Donna nasce a Roma portando i nostri obiettivi direttamente al governo italiano interfacciandosi spesso con Elena Bonetti, Ministero per le pari opportunità.


L'Italia è agli ultimi posti in Europa per occupazione femminile. A livello nazionale siamo al 49% mentre la media europea è il 62%. La pandemia ha colpito le donne in un modo particolarmente pesante. In merito all'occupazione femminile, la maggior parte di chi ha perso lavoro è stata donna (solo a Dicembre 2019 99% dei lavori persi erano donne), e inoltre le donne hanno caricato sulle spalle il peso della casa e della famiglia in lockdown e figli in DAD impegnandosi tre volte in più rispetto ai tempi pre-Covid.


Già nel 2020 le associazioni di Inclusione Donna si facevano sentire, particolarmente durante il Recovery e la Task Force di Conte iniziando una petizione a livello nazionale per avere più donne.


Per il 2021, Inclusione Donne hanno gli obiettivi molto ambiziosi ma raggiungibile. Chiediamo al governo italiano:

  • Di adottare politiche e misure per favorire l'occupazione femminile - specie quella delle giovani donne e quella qualificata - e le imprese femminili, anche con incentivi per l'accesso al credito e al mercato ed agevolazionifiscali.

  • Di adottare misure che favoriscano l’effettiva parità tra uomini e donne nel mondo del lavoro, tra cui: parità reddituale, pari accesso alle opportunità di carriera e di formazione, piena attuazione del congedo di paternità in linea con le migliori prassi europee.

  • Di promuovere politiche di welfare a sostegno del “lavoro silenzioso” di chi si dedica alla cura della famiglia.

  • Di fissare un obiettivo ambizioso per l’occupazione femminile, almeno il 60%, da raggiungere nell’arco temporale della legislatura ed istituire un osservatorio per monitorarne il raggiungimento.


Inoltre Inclusione Donna porta alcune azioni specifiche e strategiche per il futuro del paese:

  1. Istituzione di una commissione parlamentare bicamerale per le Pari Opportunità. Tale commissione dovrà essere supportata da una struttura organizzativa, incardinata presso il MEF, o il Ministero PO, dedicata e permanente, con il compito di effettuare la Valutazione di Impatto di Genere.

  2. Realizzazione di una Piattaforma di Business Intelligence che integri le statistiche di genere e i dati resi disponibili ad oggi in modo frammentario da più fonti e in carico a diversi enti di ricerca e organismi pubblici.

  3. Uno “schema di Certificazione per la parità di genere” adottabile volontariamente da parte di Istituzioni e Aziende pubbliche e private di ogni settore e dimensione


Verona PWN è orgogliosa di far parte di questa iniziativa e di continuare nel Comitato Coordinato frequentato dalla Presidente.

11 views0 comments